7 sostanze psichedeliche presenti in natura che forse non conoscevi

7 sostanze psichedeliche presenti in natura che forse non conoscevi

Per quanto l’uomo si sia industriato per secoli per produrre droghe/medicine sintetiche, la natura non è da meno e anzi, oseremmo dire, ci batte sul campo. Le droghe sintetiche hanno forse il pregio di essere stabili nei loro effetti e intensamente potenti, ma sono molti i sostenitori degli allucinogeni naturali, decisamente più sani per il corpo e per la mente (tanto che chiamarli droghe è quasi un’aberrazione).
La natura, col suo arsenale di piante magiche, offre la possibilità all’uomo di provare una vasta gamma di esperienze piacevoli, arricchenti, divertenti e intensamente spirituali. Ecco sette piante dalle proprietà psicoattive (alcune famose, altre meno) che dovresti assolutamente conoscere se vuoi addentrarti nel mondo dei “naviganti dello spirito”.
1. Funghi e tartufi magici
I re della famiglia degli psichedelici naturali sono funghi e tartufi contenenti psilobicina. Questi sono presenti in tutto il mondo, dall’Inghilterra alle savane africane, e vengono usati sin dalla preistoria per provare esperienze psichedeliche. Quando si ingerisce un fungo o tartufo magico la psilobicina al suo interno subisce una trasformazione in psilocina, la quale entra nel sangue e produce effetti visivi-corporei-uditivi per circa 5-6 ore, in modo generalmente sicuro e atossico.
2. Salvia divinorum
Questa pianta, endemica nella regione di Oxaca nel Messico, è stata usata per secoli come viatico per parlare con gli dei. Produce “viaggi” brevi ma intensi, che vanno dai 10 minuti all’ora circa. Tradizionalmente doveva essere consumata al buio e nel silenzio, per godere di un distacco dal proprio corpo.
3. Cactus contenenti mescalina
Peyote, San Pedro e Torcia Peruviana sono solo alcune delle specie di cactus contenente mescalina, un allucinogeno naturale. Questi vegetali “speciali” crescono in centro America e permettono di provare una vasta gamma di effetti, dalla visione di colori più brillanti all’euforia, fino a una particolare ed ispirata introspezione. Gli effetti, che si manifestano di norma dopo oltre un’ora dall’ingestione, raggiungono il picco dopo tre ore ma permangono fino ad otto ore.
4. Ayahuasca
L’Ayahuasca, pur essendo totalmente naturale, non è propriamente una pianta bensì un mix di sostanze diverse creato dall’uomo. Spesso si chiama impropriamente Ayahuasca la Banisteriopsis Caapi, una pianta rampicante amazzonica che produce l’allucinogeno principale, il cosiddetto DMT. Dato che il DMT da solo non può essere sintetizzato dall’intestino, è necessario mescolare la Banisteriopsis Caapi con altre piante perché si produca un effetto. Dato che l’Ayahuasca è un allucinogeno misto, i suoi effetti sono più forti rispetto agli altri prodotti naturali: l’esperienza psichedelica è intensa e dura sino a dodici ore.
5. LSA
L’LSA è una sostanza psicoattiva molto simile all’LSD (anche se meno potente). È presente nei semi di alcuni fiori, in particolare i cosiddetti Hawaian Baby Woodrose e Morning Glory. I semi contenenti LSA, consumati interi o sotto forma di estratto, permettono un trip molto speciale: visioni di colori e forme geometriche, euforia e parziale sedazione.
6. Loto blu
Il cosiddetto Loto blu (Nymphaea caerulea) è una pianta che cresce in Africa settentrionale e in particolare nelle regioni del Nilo. Già dai tempi degli egizi questa specie di ninfea era conosciuta per i suoi effetti psicoattivi e afrodisiaci: chi assume il Loto blu sente una immediata attivazione della libido, oltre a un piacevole senso di euforia.
7. Fagioli di Yopo
I Fagioli di Yopo sono in realtà i semi dell’omonima pianta, originaria dei Caraibi. L’effetto che producono, una volta assunti, è simile a quello dell’Ayahuasca. I Fagioli di Yopo contengono infatti diverse sostanze psichedeliche, tra cui bufotenina, DMT e 5-MeO-DMT. Di solito vengono assunti tramite polvere da sniffare e danno esperienze visionarie anche per un paio d’ore. Purtroppo sono un po’ pesanti per lo stomaco in quanto possono indurre nausea e vomito.
E tu, conoscevi tutti questi psichedelici naturali?
Torna al blog